Anita Garibaldi a Siracusa per i 150 anni dell'Unità d'Italia

Anita Garibaldi, pronipote dell’eroe dei due mondi, sarà a Siracusa il prossimo 1° ottobre per partecipare ad una iniziativa pubblica organizzata dallo Studio legale Giuliano insieme alla Società Storia Patria di Siracusa. L’incontro dal tema “Il caso Garibaldi. Passioni e conflitti a 150 anni dall’Unità d’Italia” intende proporre un’analisi critica della figura di Giuseppe Garibaldi e degli eventi che hanno portato all’Unità d’Italia, ma anche soffermarsi sull’attualità di un dibattito politico e culturale che provoca ancora appassionati confronti e conflitti tra le diverse parti in causa.

Il “caso Garibaldi” del titolo dell’iniziativa, infatti, allude non solo alla vicenda risorgimentale, ma anche ad un’occasione giudiziaria contenziosa che ha visto Anita Garibaldi agire in giudizio contro il sindaco di Capo d’Orlando, Enzo Sindoni, che, il 4 luglio di due anni fa, dando seguito ad una determina sindacale, ha preso a martellate la targa della piazza della stazione ferroviaria intitolata a Giuseppe Garibaldi, ritenuto non degno di questo riconoscimento, e l’aveva sostituita con un’altra dedicata alla battaglia navale del 4 luglio 1299. Una data che ricorda i Vespri Siciliani e lo scontro avvenuto nel mare davanti a Capo d’Orlando tra Giacomo II e Federico III per la reggenza degli Aragonesi sull’isola. Anita Garibaldi, presidente dell’Associazione nazionale intitolata al leader della spedizione dei Mille, assistita in giudizio dagli avvocati Corrado Piccione e Corrado V. Giuliano, si è rivolta al Tar di Catania contestando la procedura seguita dal sindaco di Capo d’Orlando per il cambio di denominazione della piazza.

Il Tribunale Amministrativo le ha dato ragione stabilendo che, prima di attribuire una nuova denominazione ad una strada o ad una piazza, il Comune deve chiedere ed ottenere sia l’autorizzazione del Ministero dei beni culturali, attraverso la Soprintendenza di Messina, sia quella del Prefetto.A conferma del fatto che la figura di Giuseppe Garibaldi accende ancora gli animi dei contemporanei, il sindaco di Capo d’Orlando, a sette mesi dalla sentenza del TAR, non ha ancora provveduto a restituire alla piazza della stazione l’intestazione originaria, ed è stato quindi necessario ricorrere nuovamente al TAR Catania  per chiederne l’esecuzione forzata.

 

pdfInvito iniziativa "Il 'caso' Garibaldi. Passioni e conflitti a 150 anni dall'Unità d'Italia

 

IMG0023 Foto_Anita_presidenza

Iniziativa "Il 'caso' Garibaldi. Passioni e conflitti a 150 anni dall'Unità d'Italia". Da sinistra: Sebastiano Amato, Corrado Giuliano, Anita Garibaldi (Foto V. Di Falco).

IMG0006 panoramica_iniziativa_anita

La presidenza: da destra Salvo Adorno e Corrado Piccione (Foto V. Di Falco)

HPIM1488 corteo_garibaldi

Anita Garibaldi insieme alle autorità cittadine in corteo per rendere omaggio alla statua di Giuseppe Garibaldi alla Marina.

P1120611

Corrado Piccione, avvocato ed intellettuale siracusano, rilascia una dichiarazione ad una emittente locale. Alle sue spalle Anita Garibaldi e Roberto Visentin, sindaco di Siracusa (Foto G. Ansaldi).

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.