Sono tre i punti della perizia del Consulente tecnico d’ufficio (CTU), sui quali il relatore del collegio del Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana (CGA) ha espresso dubbi sostanziali di fondo. Dubbi che non sono stati chiariti nel corso dell’udienza che si è svolta ieri a Palermo nella sede dell’organo di giustizia amministrativa durante la quale il CTU,  Salvatore Pace, è stato chiamato a spiegare i tanti aspetti della consulenza tecnica d’ufficio al centro di pesanti e circostanziate obiezioni dei difensori dei consulenti tecnici del Comune di Siracusa e del Comitato regionale siciliano di Legambiente. Il CGA ha anticipato che nei prossimi giorni emetterà un’ordinanza dove saranno esplicitati i nuovi criteri per la stima dei costi per la quantificazione del risarcimento danni da riconoscere all’Open Land per il ritardato rilascio della concessione edilizia per la realizzazione del centro commerciale in viale Epipoli.

Sono numerosi i quesiti che i legali dei consulenti tecnici di Legambiente intendono presentare al Consulente tecnico d'ufficio (CTU), Salvatore Pace, durante l'udienza avanti al Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana (CGA) convocata a Palermo il prossimo 23 luglio per discutere del risarcimento danni da riconoscere alla società Open Land per i presunti ritardi nel rilascio della concessione edilizia per la realizzazione del centro commerciale all'Epipoli. Il documento che alleghiamo (non è stato depositato ma sarà illustrato durante l'udienza dai legali di Legambiente Carrado V. Giuliano e Nicola Giudice) analizza nel dettaglio gli aspetti della perizia che suscitano maggiori perplessità e che richiedono ulteriori chiarimenti ed integrazioni documentali da parte del CTU.

pdfQUESITI_CTU_udienza__23_luglio_2015.pdf

Rassegna stampa

La civetta di Minerva, 20 luglio 2015

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.