Il 19 ottobre scorso i legali di Legambiente Sicilia hanno presentato al Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana (d'ora in poi CGA) la richiesta di ricusazione e sostituzione del Consulente tecnico d'ufficio (d'ora in poi CTU), Salvatore Pace, nominato dal Collegio per quantificare i danni subiti dalla società Open Land per ritardi del Comune di Siracusa nel rilascio della concessione edilizia per la realizzazione di un centro commerciale in viale Epipoli a Siracusa.

Continuano le adesioni all'intervento ad opponendum di associazioni e privati cittadini contro i ricorsi del Comune di Marsciano e della Regione Umbria presentati al TAR dell'Umbria per chiedere la sospensione dell'efficacia del decreto del 25 maggio scorso con il quale il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha dichiarato l'area del "Contado di Porta Eburnea" di notevole interesse pubblico ai sensi del Codice dei Beni Culturali.

Anche l'associazione Pan Kalon di Panicale (PG), che ha come finalità la tutela e la salvaguardia del patrimonio artistico, culturale, ambientale e paesaggistico locale e nazionale, si è aggiunta ai promotori dell'iniziativa (di seguito si allegano gli interventi ad opponendum).

Il Comitato antinquinamento di Olmeto, S. Elena, San Valentino della Collina, Spina, Castello delle Forme e Villanova è invece intervenuto nell'iter di avvio del procedimento di vincolo ai sensi dell'art. 138, comma 3, del D. lgs. 22/01/2004, n. 42, dell'area denominata "Contado di Porta Eburnea" dei Comuni di Marsciano e Perugia con osservazioni che si propongono di introdurre modifiche migliorative al provvedimento. 

pdfIntervento_di_Pan_Kalon_Comune_Marsciano.pdf

pdfIntervento_di_Pan_Kalon_Regione_Umbria.pdf

Rassegna stampa

pdfCorriere dell'Umbria_7.10.2015.pdf

La Procura della Repubblica di Siracusa ha aperto un'inchiesta sui progetti che prevedono la realizzazione di 71 villette e due centri commerciali e turistico ricettivi nel quartiere Epipoli, in un'area prossima al perimetro del Parco archeologico delle mura dionigiane, sottoposta a vincolo archeologico e paesaggistico. La Procura ha delegato ai Carabinieri della Sezione Tutela Patrimonio Culturale di Siracusa l'approfondimento della documentazione relativa all'iter amministrativo dei progetti. I PM dovranno valutare la rilevanza penale dei fatti anche in relazione ai ricorsi presentati dalle società AM Group e Open Land avanti il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana (CGA) per ottenere dalla Pubblica amministrazione un risarcimento danni milionario per la mancata realizzazione dei progetti edificatori.

Nel sito sono disponibili e consultabili gran parte degli atti relativi ai ricorsi in questione. La decisione della Procura, sollecitata e attesa da Legambiente, ha trovato ampio spazio nelle cronache locali della carta stampata e delle testate giornalistiche on line che proponiamo di seguito.

pdfLA_SICILIA_24_ottobre_2015.pdf

pdfGAZZETTA_DEL_SUD_24_ottobre_2015.pdf

pdfGIORNALE_DI_SICILIA_24_ottobre_2015.pdf

pdfLIBERTA'_24_ottobre_2015.pdf

Siracusanews, 23 ottobre 2015

 

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.