Dichiarazione di interesse paesaggistico, decide lo Stato anche contro il parere della Regione: la sentenza della Corte Costituzionale

 
Corte Costituzionale, sentenza n. 164.2021
 
La Corte costituzionale ha stabilito con la sentenza in esame  che l'interesse pubblico dell'area del Comelico rientra tra le competenze dello Stato,risolvendo un conflitto proposto dalla regione Veneto contro la decisione dello Stato di riconoscere l'interesse paesaggistico di una vasta area del Comelico, valle che comprende tra l'altro diversi comuni dell'Alto Cadore. La Corte ha inoltre ribadito che le Regioni non possono pianificare lo sviluppo del proprio territorio con scelte di carattere urbanistico se non quando queste ultime siano rispettose dei vincoli posti dallo Stato per tutelare beni di valore paesaggistico. Inoltre, lo Stato può adottare la dichiarazione di interesse paesaggistico di un bene anche quando la Regione sia contraria. La tutela di questi beni risponde infatti a una "logica incrementale", che consente alle Regioni di allargarne l'ambito ma non di ridurlo, neppure per mezzo dei piani paesaggistici di competenza regionale, da redigere d'intesa con lo Stato.
 
La Corte ha riconosciuto che neppure la circostanza che il piano paesaggistico della Regione sia in corso di approvazione può privare lo Stato del proprio potere di indicare i beni da tutelare. Essi dovranno perciò essere inseriti nel piano regionale senza modifiche. In definitiva per la Consulta spettava allo Stato, e per esso al Direttore generale della direzione generale archeologia, belle arti e paesaggio del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, adottare il decreto 5 dicembre 2019, n. 1676, recante «Dichiarazione di notevole interesse pubblico dell'area alpina compresa tra il Comelico e la Val d'Ansiei, Comuni di Auronzo di Cadore, Danta di Cadore, Santo Stefano di Cadore, San Pietro di Cadore, San Nicolò di Comelico e Comelico Superiore».
 
 
© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.