Inquinamento acustico da pale eoliche: è competente il giudice ordinario?

Corte di Cassazione, Sez. Unite civili , ordinanza 1 aprile 2020, n. 7636

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno stabilito con l'ordinanza in esame che la sussistenza della giurisdizione del giudice ordinario, ribadendone la competenza a giudicare del risarcimento del danno correlato alla concreta realizzazione di un’opera pubblica ogniqualvolta l’oggetto della censura sia un comportamento illegittimo della P.A. e non un suo provvedimento.Un’attività di natura materiale, dunque, e non provvedimentale, rammentando che non solo i privati ma anche la pubblica amministrazione hanno l’obbligo di osservare le regole tecniche e i canoni di diligenza e prudenza, a tutela dell’incolumità dei consociati e dell’integrità del loro patrimonio.Il privato può quindi adire il giudice ordinario per denunciare l’inosservanza, da parte della P.A., nella gestione e manutenzione dei beni ad essa appartenenti, delle regole tecniche, o dei comuni canoni di diligenza e prudenza, non solo se la domanda è finalizzata ad ottenere la condanna dell’amministrazione al risarcimento del danno ma anche la sua condanna ad un facere, posto che la domanda non investe scelte ed atti autoritativi della P.A. ma un’attività soggetta al rispetto del principio del neminem laedere.

Corte di Cassazione, Sez. Unite civili , ordinanza 1 aprile 2020, n. 7636

 

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.