Premio non pagato: l’assicuratore della RCA è obbligato a risarcire il danno anche se il contratto assicurativo è inefficace, se ha rilasciato il contrassegno assicurativo

Corte di Cassazione, sez. III civile, sentenza 31 maggio 2019, n.14891

 Il rilascio del contrassegno assicurativo da parte dell’assicuratore della responsabilità civile auto vincola quest’ultimo a risarcire i danni causati dalla circolazione del veicolo, anche qualora il premio assicurativo non sia stato pagato o il contratto non sia efficace, poiché, nei confronti del danneggiato, quello che rileva è l’autenticità del contrassegno, non la validità del rapporto assicurativo, diretto a tutelare l’affidamento del terzo danneggiato, con conseguente copertura anche dell’ipotesi di apparenza del diritto. L’efficacia del contrassegno, infatti, non deve limitarsi ad uno solo dei dati identificativi del veicolo: sarebbe irragionevole che un evidente errore materiale come, ad esempio quello concernente la targa, infici automaticamente l’apparenza e dunque l’affidamento, considerata la sussistenza nel contrassegno di ulteriori dati identificativi del veicolo che sarebbero collocati su un piano paritetico.

Corte di Cassazione, c sez. III civile, sentenza del 31.05.2019 n. 14891

 

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.