Digitalizzazione del giudizio amministrativo: gli enti pubblici sono obbligati a comunicare un indirizzo PEC valido per le notifiche

T.A.R. Sicilia, Catania, sentenza 11 giugno 2019, n.1426

Il Tar Sicilia, con la sentenza in esame, ha stabilito l'obbligo per le pubbliche amministrazioni di comunicare al Ministero della Giustizia un indirizzo PEC valido per le notifiche e per le comunicazioni, al fine dell'inserimento nell'elenco ex art. 16 comma 12 del D.L. 179/2012. La comunicazione al Ministero della Giustizia dell'indirizzo PEC è richiesta dal legislatore alle Amministrazioni al dichiarato fine di "favorire le comunicazioni e notificazioni per via telematica alle pubbliche amministrazioni". E' evidente che il contegno omissivo serbato dall'Amministrazione rispetto all'obbligo di comunicazione dell'indirizzo PEC, pur non precludendo radicalmente la notifica dell'atto processuale (possibile, infatti, mediante le tradizionali modalità cartacee con un aggravio in termini materiali ed economici), vanifichi il raggiungimento degli obiettivi di digitalizzazione della giustizia posti dal legislatore, rispetto ai quali la telematizzazione delle comunicazioni funge da fattore trainante.

La vicenda processuale prende le mosse dal ricorso proposto da un'associazione di avvocati amministrativisti con cui è stato chiesto l'accertamento dell'inottemperanza all'obbligo di comunicazione, nei termini previsti dalla legge, al Ministero dell'indirizzo ai fini della notifica nonché l'accertamento alla istanza/diffida inoltrata al Comune di Catania dagli stessi a provvedere a tale onere. Nonostante la sentenza abbia dichiarato cessata la materia del contendere, essendo stata appagata in corso di giudizio la pretesa ricorrente, il Collegio, previa conversione dell'azione nella c.d. class action, ha osservato come il Comune versasse in un oggettivo stato di inadempienza rispetto all'obbligo statuito dal legislatore e per questo motivo lo ha condannato al pagamento delle spese di giudizio.

T.A.R. Sicilia, Catania, sentenza n. 1426.2019

 

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.