Tettoie: permesso di costruire o intervento di edilizia libera?

Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza 26 settembre 2018, n. 5541

Il Consiglio di Stato, con la sentenza in esame, si è pronunciato sul regime abilitativo edilizio della tettoia escludendo che possa rientrare nell’attività edilizia libera. Nel caso di specie, una tettoia pertinenziale a un’unità immobiliare, consistente in un porticato in muratura sormontato da una tettoia a coppi di rilevanti dimensioni, ancorata a terra e un muro perimetrale, non è una struttura equivalente ad un gazebo o pergolato e, pertanto, non può essere ricondotta nell’ambito dell’edilizia libera. Un’opera può definirsi un pergolato quando si tratti di un manufatto leggero, amovibile e non infisso al pavimento, non solo privo di qualsiasi elemento in muratura da qualsiasi lato, ma caratterizzato dalla assenza di una copertura anche parziale con materiali di qualsiasi natura, e avente nella parte superiore gli elementi indispensabili per sorreggere le piante che servano per ombreggiare: in altri termini, la pergola è configurabile esclusivamente quando vi sia una impalcatura di sostegno per piante rampicanti e viti (cfr. Cons. Stato, Sez. VI, 2 luglio 2018, n. 4001).

Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza n.5541.2018

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.