Notifiche telematiche: per il mittente, la notifica avvenuta dopo le 21 si perfeziona nel giorno stesso

Corte d’Appello di Bari, sez.I civile, sentenza 13 luglio 2018, n.1264

La Corte d’Appello di Bari, con sentenza in esame, ha affermato il principio secondo cui, per il notificante, la notifica telematica effettuata tra le 21 e le 24 si considera perfezionata nel giorno stesso, al contrario, per il destinatario la notifica si ritiene perfezionata solamente il giorno successivo.La ratio sottesa a tale pronuncia mira a contemperare sia gli interessi del notificante sia quelli del destinatario introducendo una scissione tra gli effetti dell’attività di chi spedisce e di chi riceve. In questa prospettiva, questa interpretazione non è affatto abrogante di una parte dell’art. 147 c.p.c., secondo cui le notificazioni non possono farsi prima delle 7 e dopo le 21, ma consente, al contrario, di leggere la disposizione normativa in maniera adeguata e conforme alle evoluzioni tecnologiche, garantendo la possibilità di esercitare il proprio diritto di difesa e salvaguardando la coerenza giuridica. Mediante tale pronuncia è stato affermato che “il limite delle ore 21…non può che intendersi stabilito soltanto per fare operare la fictio del perfezionamento della notifica - per il destinatario - al giorno seguente e non certamente per sancire il limite orario di validità della notifica da parte del mittente”.

Corte d'Appello di Bari, sez.I civile, sentenza n.1264.2018

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.