Responsabilità medica : la prima applicazione della Legge Gelli-Bianco da parte del Tribunale di Milano

Tribunale di Milano, sentenza 16 febbraio 2018, n. 1654

Con la sentenza in esame, il Tribunale di Milano risolve una fattispecie di responsabilità medica, applicando l’art. 7 della nuova Legge che ha recentemente riformato la materia, ritenendo che, nel caso in cui un paziente si rivolga a un odontoiatra per l’esecuzione di alcuni trattamenti estetici, si configuri una responsabilità di carattere contrattuale a carico del sanitario nonché che detta norma, nella parte relativa alle modalità di quantificazione del danno, si possa applicare anche ai fatti verificatisi prima dell’entrata in vigore della Legge stessa. La sentenza risulta particolarmente importante in quanto il Giudice ha individuato nell’art. 7 della Legge Gelli-Bianco la norma che disciplina la fattispecie sotto due aspetti: quello della qualificazione del tipo di responsabilità gravante sull’esercente la professione sanitaria e quello della quantificazione dei danni subiti dal paziente.

Per quanto riguarda il primo aspetto, il suddetto articolo prevede che la responsabilità del medico debba inquadrarsi all’interno della categoria extracontrattuale, ma aggiunge altresì che, nel caso in cui il sanitario agisca nell’adempimento di un’obbligazione contrattuale assunta con il paziente la sua responsabilità sarà di tipo contrattuale. Sulla base di questo presupposto il Tribunale milanese ha ritenuto che nel caso di specie fosse intercorso un contratto tra le parti e che conseguentemente, in applicazione della Legge Gelli-Bianco, il medico fosse soggetto a responsabilità contrattuale. Il Tribunale di Milano ha quindi applicato la nuova Legge Gelli-Bianco anche relativamente alla quantificazione dei danni subiti. La legge stabilisce che il danno biologico e non patrimoniale per gli eventi di malpractice medica debba essere risarcito applicando, a seconda dei casi, le tabelle previste dal codice delle assicurazioni per la liquidazione delle lesioni micro permanenti oppure quelle per le lesioni macro permanenti. Sulla base di tale presupposto, il Tribunale milanese ha, quindi, ritenuto applicabile al caso di specie la tabella relativa alle lesioni micropermanenti, nonostante i fatti di causa si fossero verificati prima dell’entrata in vigore della Legge Gelli-Bianco.

Tribunale di Milano_sentenza n. 1654.2018

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.