Diniego di autorizzazione allo svolgimento, 24 ore su 24, di attività rumorosa per cantieri temporanei: il caso del gasdotto nel Salento

Stampa

T.a.r. Lazio, Roma, sez. III, ordinanza 23 marzo 2018 n. 1734 

Appare illegittimo, per difetto di motivazione, il diniego opposto da un Comune, in ordine ad una istanza avanzata da una impresa, tendente ad ottenere l’autorizzazione allo svolgimento, 24 ore su 24, di attività rumorosa ambientale originata da cantieri temporanei. Nel caso di specie si trattava del cantiere avente ad oggetto i lavori di realizzazione di un tunnel, relativo alla costruzione, nel territorio del Comune salentino di Melendugno, del gasdotto di 878 chilometri che trasporterà gas naturale dalla regione del Mar Caspio in Italia, nel caso in cui gli impatti acustici originati da tale attività siano stati preventivamente ed attentamente valutati nello studio di impatto ambientale presentato e siano risultati sempre nei limiti di tollerabilità, quanto meno assoluti, ammessi dalle normative settoriali e qualora si tratti di un’opera di enorme valore economico e di altrettanto elevato rilievo strategico per gli interessi energetici nazionali ed europei.

T.a.r. Lazio, Roma_ordinanza n. 1734 .2018