Le novità introdotte dalla conversione del D.L. 14/2017 recante "Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città"

Il decreto legge 20 febbraio 2017, n. 14 recante "Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città", coordinato con le modifiche introdotte dalla legge di conversione 18 aprile 2017, n.48, è un articolato pacchetto di misure, il cui obiettivo è potenziare l'intervento degli enti territoriali e delle forze di polizie nella lotta al degrado delle aree urbane, con un approccio che privilegia il coordinamento delle forze e la programmazione di interventi integrati. Sono stati introdotti patti per la sicurezza urbana, accordi sottoscritti tra il prefetto ed il sindaco, nel rispetto di linee guida adottate su proposta del Ministro dell'interno con accordo sancito in sede di Conferenza Stato-città e autonomie locali; i patti individuano, in relazione alla specificità dei contesti, interventi per la sicurezza urbana volti a perseguire la prevenzione dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria, la promozione del rispetto della legalità e del rispetto del decoro urbano.

Il testo del decreto e i saggi che lo commentano scritti da Giuseppe Amato dal titolo "Più collaborazione nel contrasto al 'crimine percepito' ", "Poteri rafforzati ai primi cittadini sugli schiamazzi" e "Forze di Polizia, arriva la nuova figura dell'arresto ritardato", e da Davide Amato dal titolo "Dal 'Banco di prova' le risposte certe sulle scelte fatte" sono contenuti nella rivista "Guida al Diritto", n. 21, Maggio 2017, p16. (Area riservata)

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.