Una sentenza emessa il 7 dicembre scorso dalle sezioni unite della Corte di Cassazione in tema di esercizio abusivo della professione ha stabilito che agevolare l'esercizio abusivo della professione non significa soltanto far discutere una causa davanti al giudice da parte da un soggetto non abilitato, ma anche fargli curare pratiche legali o ricorsi riservati ai professionisti iscritti all'albo.

Sentenza Corte di Cassazione su esercizio abusivo della professione

Il progetto è stato ideato e realizzato da AITEC (Associazione italiana tecnico economica cemento), l'associazione di Confindustria che rappresenta i produttori del cemento, e da Legambiente. I contenuti del progetto sono stati presentati oggi a Ecomondo, la Fiera internazionale del recupero di  materia e di energia e dello sviluppo sostenibile che si tiene a Rimini dal 7 al 10 novembre 2012.

Il Decreto legge n. 83 del 22 giugno 2012 (Decreto legge sviluppo), convertito dalla legge n. 134 del 7 agosto 2012, ha cambiato le regole e le procedure stabilite dalla legge n. 89/2001, nota come Legge Pinto (GU n. 78 del 3-4-2001), che aveva introdotto il diritto ad ottenere un'equa riparazione a chi abbia subito un danno patrimoniale o non pratrimoniale dall'ingiusta durata di un processo.  La riforma snellisce il procedimento, rendendolo analogo a quello previsto per il decreto ingiuntivo e sanziona le richieste pretestuose, introduce, inoltre, parametri fissi sugli importi da risarcire e sui tempi di durata ragionevole del processo.

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.