2

1

4

5

INVENTIO invenire quod dicas, DISPOSITIO inventa disponere,

ELOCUTIO ornare verbis, MEMORIA memoriae mandare, ACTIO agere et pronuntiare.

(Cicero, M.T. De inventione, 82 A.C.)

news

Corte dei conti Emilia Romagna, delibera 16 gennaio 2018, n. 4

 Anche l'affidamento del singolo incarico di patrocinio legale deve essere inquadrato come appalto di servizi, ai sensi dell'art. 17 d.lgs. 50/2016, e deve rispettare i principi in materia di affidamento quali quelli di economicità, efficacia, trasparenza, imparzialità, parità di trattamento, proporzionalità e pubblicità. La scelta dell'avvocato esterno all'ente non può mai essere connotata da carattere fiduciario. I principi in materia di affidamento possono essere attuati anche applicando sistemi di qualificazione ovvero con la redazione di un elenco di operatori qualificati, dal quale selezionare, su una base non discriminatoria e rispettosa del principio di rotazione, gli operatori che saranno invitati a presentare offerte. L'ente deve comunque preliminarmente operare una ricognizione interna finalizzata ad accertare l'impossibilità, da parte del personale incardinato nell'ufficio legale, ove istituito, a svolgere l'incarico e, successivamente, non deve procedere all'affidamento diretto, dovendo attribuire l'incarico solo a seguito di procedura comparativa, aperta a tutti i possibili interessati.

Corte dei conti Campania, delibera 10 gennaio 2018, n. 2

La Corte dei conti della regione Campania condivide le argomentazioni della Corte dei conti, a Sezioni Riunite per la Regione Sicilia (deliberazione n. 2/2005), secondo cui in caso di debiti derivanti da sentenza esecutiva, l'ente può procedere al pagamento ancor prima della deliberazione consiliare di riconoscimento, atteso che, in ogni caso, non potrebbe in alcun modo impedire l'avvio della procedura esecutiva per l'adempimento coattivo del debito. Anzi, la prassi seguita dagli enti locali di attendere per il pagamento di quanto dovuto il preventivo riconoscimento della legittimità del debito da parte del consiglio comunale comporta il lievitare degli oneri patrimoniali per interessi legali ed eventuale rivalutazione monetaria, cui vanno aggiunte le spese giudiziali derivanti dalle procedure esecutive, nel caso in cui la predetta delibera non intervenga in tempi ragionevoli. L’indicazione, inoltre, corrisponde alla diversa posizione riservata dal legislatore alle sentenze esecutive, in quanto il consiglio comunale, a differenza delle altre ipotesi di debito fuori bilancio, non ha alcun margine di discrezionalità nel valutare l'an e il quantum del debito, poiché l'entità del pagamento rimane stabilita nella misura indicata dal provvedimento dell'autorità giudiziaria, rappresentando il riconoscimento di tale debito un atto dovuto.

Corte dei conti Campania, delibera n.2.2018

Corte di Cassazione, sez. Unite penali, sentenza 16 marzo  2018, n. 12213

La costituzione di parte civile può essere effettuata anche dal sostituto processuale del difensore al quale il danneggiato abbia conferito procura speciale per esercitare l'azione civile nel processo penale, a condizione che la facoltà di nominare un sostituto processuale sia prevista espressamente nella procura speciale, ovvero che il danneggiato sia personalmente presente all'udienza di costituzione. Gli Ermellini hanno finalmente posto fine ad un contrasto interpretativo perdurante da tempo sul tema della sussistenza della legittimazione alla costituzione di parte civile in capo al sostituto processuale del procuratore speciale. La questione, di enorme rilevanza pratica, è sorta all'interno di un processo per truffa, nel corso del quale il difensore degli imputati ha messo in dubbio la regolarità della costituzione di parte civile dei danneggiati, eseguita non dal loro procuratore speciale, ma da un sostituto di quest'ultimo. Il ricorso per cassazione, proposto dopo la sentenza d'appello, era stato assegnato alla Sesta Sezione che ha ritenuto di rimettere la questione alle Sezioni Unite.

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.