2

1

4

5

INVENTIO invenire quod dicas, DISPOSITIO inventa disponere,

ELOCUTIO ornare verbis, MEMORIA memoriae mandare, ACTIO agere et pronuntiare.

(Cicero, M.T. De inventione, 82 A.C.)

news

Sono Milena Jolanda Dziedzic, Matteo Cavagnacchi e Tecla Guarino i vincitori del concorso "SOS paesaggio siracusano". La premiazione è avvenuta sabato 17 febbraio nella suggestiva cornice dell'Antico Mercato di Ortigia. A Milena Dziedzic e Matteo Cavagnacchi la Commissione valutatrice ha assegnato il primo premio ex aequo ritenendo le due opere, una proposta sottoforma di video documentario, l'altra di dossier fotografico, ugualmente meritevoli di questo riconoscimento per la qualità del lavoro, per l'originalità e la modernità del linguaggio proposto. Il terzo premio è stato invece attribuito a Tecla Guarino.

Milena Dziedzic ha diciotto anni e frequenta l'Istituto Quintiliano di Siracusa. E' di origine polacca, ma da diversi anni risiede ad Augusta. Ha partecipato al concorso con un video sulla scuola Domenico Costa di Augusta, un'incompiuta lasciata nel più totale abbandono. Nel suo lavoro ha poi proposto una sequenza di immagini sul litolare di Augusta, trasformato in una infinita discarica abusiva.

Matteo Cavagnacchi ha diciannove anni. Ha completato gli studi superiori al Liceo Classico "Gargallo". Quest'anno inizierà il suo percorso universitario a Bologna, dove si è iscritto alla Facoltà di Medicina. Attraverso una incalzante sequenza di scatti ha proposto i particolari dello scempio, della trascuratezza e dell'abbandono che è possibile osservare ad ogni angolo della città, partendo dallo stato di degrado in cui versa l'edificio dell'ex Tribunale in piazza della Repubblica.

Tecla Guarino si è invece soffermata su alcuni siti della città, di grande valore storico-archeologio e naturalistico, abbandonati o a rischio di cementificazione, come le mura Dionigiane, la balza di Acradina e la Pillirina, e sulle incompiute più scandalose. Tecla Guarino, ha compiuto sedici anni e frequenta il terzo anno del Liceo Scientifico "Corbino".

Oltre ai premi previsti dal bando, la Commissione valutatrice ha distribuito una menzione speciale agli autori di altri 14 video e consegnato diverse note di elogio.

Al concorso hanno partecipato 53 studenti: ventisette ragazzi, ventisei ragazze. I video presentati al concorso sono stati 28, tutti proiettati nella serata di sabato scorso. L'iniziativa ha coinvolto 17 istituti superiori di secondo grado di Siracusa, sia pubblici che privati parificati.

Durante l'incontro di premiazione l'avv. Corrado V. Giuliano ha annunciato che lo Studio legale Giuliano, insieme agli autori dei video, promuoverà nuove iniziative con la finalità di stimolare, presso le Istituzioni pubbliche responsabili, l'avvio dell'iter per il recupero e valorizzazione dei siti al centro delle denunce dei giovani studenti.

Nel frattempo è arrivata la notizia positiva dell'avvio dei lavori per la sistemazione ed il completamento del parcheggio di via Mazzanti, tra le incompiute più denunciate, e l'inizio delle attività di bonifica e riqualificazione dell'area dei Calafatari, indicata da diversi studenti come zona da recuperare.

I video che hanno partecipato al concorso saranno presto visibili sul sito dello Studio legale Giuliano, www.studiolegalegiuliano.eu, e saranno comunque promossi in tutte le sedi e alle manifestazioni che affrontano le tematiche del concorso.

Infine, alcune note che riguardano la diffusione dei contenuti del progetto. Il concorso "SOS paesaggio siracusano" è stato menzionato dalla trasmissione di Radio Rai 1, "Buona condotta. L'esempio che fa scuola", realizzata in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, ed è stato citato sul Corriere del Mezzogiorno in un articolo del prof. Tomaso Montanari, storico dell'arte e professore ordinario di Storia dell'Arte moderna all'Universita degli studi di Napoli "Federico II". Nel testo, in particolare, si legge: "Il concorso siracusano è importante per l'identità di chi lo promuove: lo Studio legale Giuliano... Purtroppo nel nostro paese non è certo ovvio che un gruppo di avvocati si impegni non ad eludere, ma ad affermare, la legalità... Immaginate che rivoluzione se il Consiglio Nazionale Forense facesse propria l'idea siracusana e lanciasse un "SOS paesaggio italiano" aperto a tutte le scuole superiori del Paese!".

Lo Studio legale Giuliano ringrazia il numeroso pubblico presente all'iniziativa, gli studenti e le studentesse che hanno partecipato al concorso, per l'impegno e la serietà con cui hanno affrontato questa sfida, le loro famiglie, gli insegnanti e i presidi degli Istituti superiori di secondo grado di Siracusa, e i componenti della Commissione valutatrice, per la disponibilità, la competenza e l'attenzione con cui hanno analizzato le opere presentate.

Siracusa, 20 settembre 2011

(Altalex, 14 settembre 2011. Nota di Laura Biarella)
La responsabile del settore lavori pubblici di un Comune ricorre avverso la sentenza della Corte d'Appello di Firenze che aveva riformato, in melius, la sanzione inflitta in primo grado, tuttavia ribadendo la responsabilità per omicidio colposo commesso in danno di un operaio. L'infortunio era accaduto presso il magazzino della sede del reparto cantonieri del Comune. Un addetto, nell'effettuare la manovra di uscita dal magazzino con un escavatore, intralciata da un altro automezzo, con la benna attaccata al braccio posteriore del mezzo, lasciato semiaperto, colpiva un operaio che restava pressato tra la benna e lo spigolo di una colonna. L'esito dell'incidente fu letale per l'operaio. L'imputata avrebbe quindi violato gli obblighi derivati dalla propria posizione istituzionale, omettendo l'adozione delle cautele prescritte dalla normativa di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 547 del 1955, articolo 8 e articolo 14, comma 8 e del Decreto Legislativo n. 626/1994, articolo 35, comma 4, lettera b.

Il Sistri - in attesa della conversione in legge del Dl 138/2011 - risulta soppresso, ma sulla GU del 5 settembre 2011 è stato pubblicato l'accordo fra Governo, Regioni e Autonomie locali per la gestione delle informazioni sulla tracciabilità dei rifiuti.
L'accordo per la gestione delle informazioni sulle autorizzazioni e sulle comunicazioni relative alla procedure semplificate, siglato in sede di Conferenza Unificata il 27 giugno 2011, coinvolge Ministero Ambiente, Regioni, Province, Comuni e Ispra.
L'accordo ha una durata di tre anni e sarà tacitamente rinnovato.
Il documento viene pubblicato a Sistri abrogato, visto che il Dl 138/2011 entrato in vigore il 13 agosto scorso nè ha disposto la soppressione ma ancora più importante chi paga tutto questo sistema di interoperabilità tra PA? E chi si occupa dell'assistenza a tutti gli utenti della PA?
E' inoltre stata pubblicata sul sito della Suprema Corte una relazione sulle novità introdotte dal Dl 138/2011, che analizza le conseguenze normative derivanti dall'abrogazione del "Sistri".
Nota a cura dell'Avv. Corrado V. Giuliano 
Di seuguito la relazione:

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.