2

1

4

5

INVENTIO invenire quod dicas, DISPOSITIO inventa disponere,

ELOCUTIO ornare verbis, MEMORIA memoriae mandare, ACTIO agere et pronuntiare.

(Cicero, M.T. De inventione, 82 A.C.)

news

Corte di Cassazione, Sez. III civile, sentenza 20 ottobre 2016, n.21230

In tema di danno da perdita del rapporto parentale, se è pur innegabile la necessità di conciliare il diritto del superstite alla tutela del rapporto parentale con l'esigenza di evitare il pericolo di una dilazione ingiustificata dei soggetti danneggiati secondari, il dato esterno ed oggettivo della convivenza non è elemento idoneo a bilanciare le evidenziate contrapposte esigenze e ad escludere a priori il diritto del non convivente al risarcimento del danno non patrimoniale da lesione del rapporto parentale. La convivenza può tuttavia assurgere a elemento probatorio utile, unitamente ad altri elementi, a dimostrare l'ampiezza e la profondità del vincolo affettivo che lega tra loro i parenti e a determinare il quantum debeatur.

Giurisprudenza Italiana, n. 3, Marzo 2017, p. 590 (Area riservata)

Dopo circa trent’anni di consolidata giurisprudenza e del costante orientamento collegato al tenore di vita matrimoniale la giurisprudenza ha cambiato rotta. Le ultime sentenze della Cassazione civile hanno stabilito  l’indipendenza, l’auto responsabilità economica o l’autosufficienza economica dell’ex coniuge e non più il tenore di vita matrimoniale come parametri su cui poggiare le determinazioni per la definizione dell’an e del quantum dell’assegno divorzile. 

La giurisprudenza passata relativa all'assegno di divorzio e al tenore di vita matrimoniale è stata segnalata nel saggio scritto da Elena Bargelli, dal titolo "Assegno di divorzio e tenore di vita matrimoniale", pubblicato nella rivista "Giurisprudenza Italiana", n.1, Gennaio 2017, p.219 (Area riservata)

La giurisprudenza costituzionale ed amministrativa nel diritto dell'ambiente è un settore in continuo divenire, in cui è molto presente una tensione che caratterizza i rapporti tra i vari ordinamenti, soprattutto quello italiano ed eurounitario; tuttavia non mancano linee di intersezione tra l'ordinamento giuridico nazionale e la disciplina dettata dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. I temi principali che caratterizzano la disciplina sono le autorizzazioni in materia ambientale (VIA,VAS,AIA), l'accesso alle informazioni ambientali, l'inquinamento elettromagnetico,l'inquinamento acustico, lo smaltimento dei rifiuti e la bonifica dei siti inquinati, e la tutela ambientale alla luce del principio ormai recepito a livello nazione del "chi inquina, paga".

La giurisprudenza più recente relativa al diritto dell'ambiente è stata segnalata nel saggio scritto da Gabriele Sabato, dal titolo "La tutela dell'ambiente di fronte alle corti", pubblicato nel "Giornale di Diritto Amministrativo", n.6, Novembre 2016, p.815 (Area riservata)

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.