2

1

4

5

INVENTIO invenire quod dicas, DISPOSITIO inventa disponere,

ELOCUTIO ornare verbis, MEMORIA memoriae mandare, ACTIO agere et pronuntiare.

(Cicero, M.T. De inventione, 82 A.C.)

news

Corte di Cassazione, sez. I civile, sentenza 16 febbraio 2018, n. 3915

La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha cassato la pronuncia della Corte di Appello di L’Aquila, che aveva confermato lo stato di adottabilità di un minore, ritenendo erronea la valutazione operata sulle capacità genitoriali sostitutive da parte dello zio, convivente con la madre e con i nonni, in quanto svolta soltanto in relazione alla sua situazione di lavoratore dipendente, senza considerare se, attraverso il sostegno dei servizi sociali e compatibilmente con i tempi utili alla formazione della personalità del bambino, egli potesse assicurare al piccolo una cura ed una protezione adeguate alla sua capacità di crescita.

Corte di Cassazione_ sentenza n. 3915.2018

Tar Sicilia, Catania, sez. I, sentenza 16 luglio 2018, n. 1495

Con sentenza in esame, la sezione I del Tar di Catania ha chiarito come l’ordine di rimozione dei rifiuti rinvenuti all’interno di un fondo possa essere rivolto al proprietario (o al titolare di diritti reali o personali di godimento) solo quando sia dimostrata almeno la corresponsabilità dello stesso con gli autori dell’illecito, per avere cioè posto in essere un comportamento, omissivo o commissivo, a titolo doloso o colposo, dovendosi escludere che le disposizioni in materia configurino un’ipotesi legale di responsabilità oggettiva o per fatto altrui, con conseguente esclusione della natura di obbligazione propter rem dell'obbligo di ripristino del fondo a carico del titolare di un diritto di godimento sul bene. Deve dunque ritenersi illegittimo l’ordine ex art. 192, comma 3, d.lgs. n. 152/2006 ove adottato in assenza di istruttoria in ordine alla riconducibilità degli sversamenti a comportamenti anche solo colposi dei proprietari. Nel caso in esame la P.A. aveva ordinato alla ricorrente di provvedere alla bonifica, mediante avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti rinvenuti all’interno dell’area di sua proprietà, nonché al ripristino dello stato dei luoghi solo in ragione del fatto che il predetto ritrovamento fosse avvenuto su terreni di sua proprietà, senza invece procedere a una verifica circa l’imputabilità alla stessa della violazione, quantomeno a titolo di colpa.

Tar Sicilia,Catania_sentenza n. 1495.2018

Corte Costituzionale, sentenza 20 Luglio 2018, n. 168

Con la sentenza in esame, i giudici della Consulta hanno ritenuto la disciplina siciliana delle Città Metropolitane e e Liberi Consorzi di Comuni non il linea con la c.d. Riforma Delrio, di cui alla legge n. 56/2018. La Corte Costituzionale ha chiarito che l’intervento di riordino di Province e Città metropolitane, di cui alla legge n. 56 del 2014, c.d. Legge Delrio, rientra nella competenza esclusiva statale nella materia «legislazione elettorale, organi di governo e funzioni fondamentali di Comuni, Province e Città metropolitane», ex art. 117, secondo comma, lettera p). Sono stati dunque dichiarati incostituzionali gli artt. da 1 a 6 e 7, lettere b), c) ed e) della legge della Regione Siciliana 11 agosto 2017, n. 17 (Disposizioni in materia di elezione diretta del Presidente del libero Consorzio comunale e del Consiglio del libero Consorzio comunale, nonché del Sindaco metropolitano e del Consiglio metropolitano).

Corte Costituzionale, sentenza 20 Luglio 2018, n. 168

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.