2

1

4

5

INVENTIO invenire quod dicas, DISPOSITIO inventa disponere,

ELOCUTIO ornare verbis, MEMORIA memoriae mandare, ACTIO agere et pronuntiare.

(Cicero, M.T. De inventione, 82 A.C.)

news

Domenica 27 maggio alle ore 17 presso la sede Arci a Siracusa la biblioteca d'informazione giuridica Fedro presenterà, in collaborazione con il gruppo Italia 85 di Amnesty International e l'Arci, il "Rapporto 2017/2018. La situazione dei diritti umani nel mondo" di Amnesty International. La tavola rotonda che seguirà, avente come tema i diritti umani nel mondo, sarà l'occasione per festeggiare il 28 maggio, anniversario della fondazione di Amnesty International.

L'organizzazione, fondata nel 1961, si impegna per la tutela e la promozione dei diritti umani, accanto e insieme ai titolari dei diritti; per liberare i prigionieri di coscienza, abolire la pena di morte, porre fine alla tortura e alla violenza contro le donne, contrastare impunità e discriminazione, garantire il diritto all’alloggio, alla salute e all’istruzione, riaffermare i diritti umani di migranti, richiedenti asilo e rifugiati.

E' possibile consultare l'introduzione al Rapporto annuale 2017/2018 qui: https://www.amnesty.it/rapporti-annuali/rapporto-annuale-2017-2018/introduzione-al-rapporto-annuale-201718/

T.A.R. Lazio, Roma, sez. I Ter, sentenza 5 ottobre 2017, n. 10074

L’art. 95 del D.Lgs. 18 aprile 2016 n. 50 ha inteso privilegiare il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, in luogo di quello del minor prezzo; quest’ultimo criterio può intervenire soltanto all’interno delle fattispecie in esso tassativamente delineate, ovvero per i servizi e per le forniture che presentino caratteristiche standardizzate o le cui condizioni risultino definite dal mercato, o inferiori a un certo valore; alla stregua del principio nella specie è stata ritenuta legittima l’applicazione del criterio del prezzo più basso per la fornitura di apparati ricetrasmittenti portatili per le esigenze dei reparti mobili della Polizia di Stato, trattandosi di appalto di valore inferiore alla soglia prevista ed atteso che l’oggetto della fornitura atteneva ad apparati radio con caratteristiche standardizzate e normalmente disponibili sul mercato, così come gli accessori richiesti a corredo degli apparati.

T.A.R. Lazio, Roma_sentenza n. 10074.2017

Corte di Cassazione, sez. III civile, sentenza 13 ottobre 2017, n. 24073

In tema di responsabilità contrattuale della struttura sanitaria e di responsabilità professionale da contatto sociale del medico, ai fini del riparto dell'onere probatorio l'attore, paziente danneggiato, deve limitarsi a provare l'esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l'insorgenza o l'aggravamento della patologia ed allegare l'inadempimento del debitore, astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato, rimanendo invece a carico del debitore dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato, ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante. Nella vicenda in esame, un’Azienda Ospedaliera aveva impugnato la sentenza con cui, la Corte di merito aveva accertato sia la responsabilità di detta azienda per l’inadempimento contrattuale, sia la responsabilità da "contatto sociale" di un sanitario di tale struttura, in relazione all’ esecuzione dell’operazione chirurgica di asportazione totale di un rene.

© 2017 studio legale Giuliano. All Rights Reserved.