L'avv. Corrado Giuliano scrive ai partecipanti dal concorso "SOS paesaggio siracusano"

Share

Buongiorno,

volevo ringraziarTi per avere deciso di partecipare al concorso “SOS paesaggio siracusano”.

L’intento dello Studio legale Giuliano nel promuovere il concorso era ed è quello di sensibilizzare i giovani come Te verso le problematiche della tutela del territorio e dello sviluppo compatibile della provincia di Siracusa.

Il concorso “SOS paesaggio siracusano” viene proposto in un periodo in cui a Siracusa è aperto il dibattito sulle varianti al PRG[1] (le abbiamo chiamate “varianti della bellezza”), varianti che intendono proteggere aree di grande pregio naturalistico della città, come la Pillirina, l’Epipoli e Acradina e tutto il territorio siracusano dalla cementificazione incontrollata, e sul Piano paesistico provinciale[2].

Il PRG, il Piano paesistico provinciale, ma anche il Piano di gestione Unesco[3] sono strumenti utili per proteggere e salvaguardare il prezioso territorio della Nostra provincia, territorio da troppi anni aggredito e sfigurato da interessi speculativi che lo hanno gravemente danneggiato, compromettendo la possibilità delle generazioni come la Tua di fruire di gran parte delle sue bellezze e delle sue risorse.

Durante il Tuo lavoro per la realizzazione delle fotografie o del video avrai sicuramente incontrato l’incuria in cui sono lasciate zone della città e della provincia, lo stato di abbandono in cui versano monumenti e aree di interesse naturalistico, le incompiute per le quali sono stati spesi tanti soldi della collettività e che ancora aspettano di essere completate e messe a disposizione di tutti. E’ importante che i giovani, che rappresentano il futuro della città, si interroghino su come viene attualmente utilizzato e gestito il territorio, su come potrebbe essere diversamente valorizzato e tutelato. Il Tuo sguardo, e quello degli altri giovani che hanno deciso di partecipare al concorso, ha dunque un doppio valore: quello di testimoniare una sensibilità “di parte” rispetto alle tematiche proposte, e quello di condividere con la città e con chi la amministra le aspettative e le speranze delle nuove generazioni.

Il dibattito aperto a Siracusa sulle varianti al Piano Regolatore e sul Piano Paesistico della Provincia, sull’attuazione del Piano Unesco, è una importante occasione per  riflettere sul futuro di Siracusa e della sua provincia, per favorire uno sviluppo fondato su economie di qualità non più di quantità e di cemento, su economie di idee e di creatività finalizzate alla valorizzazione dei patrimoni e delle identità del Nostro territorio.

E’ quindi questa un’opportunità unica per fare pesare le Tue, le Vostre idee, la Tua, la Vostra visione di sviluppo della città.

Grazie e buon lavoro.

Corrado V. Giuliano

Siracusa, 18 maggio 2011

 

 



[1] Il Piano Regolatore Generale (P.R.G.) è uno strumento che regola l'attività edificatoria in un territorio comunale. È redatto da un singolo comune o da più comuni limitrofi e contiene indicazioni sul possibile utilizzo o tutela delle porzioni del territorio cui si riferisce.

[2] Il Piano paesaggistico è uno strumento di pianificazione territoriale volto a definire opportune strategie di intervento sul territorio, mirate ad una tutela attiva e alla valorizzazione del patrimonio naturale e culturale della Regione e a cascata di ogni singola provincia.

[3] Il Piano di gestione Unesco è lo strumento che deve garantire nel tempo la tutela e la conservazione per le future generazioni dei beni inclusi nella Lista Unesco, come Siracusa e Pantalica.

Ultime News